Country House

Scegli la tua lingua

Italian Dutch English French German

Iscriviti alla Newsletter




Meteo

 

La sagra del farro ad Abbateggio

Abbateggio è famoso per essere il paese del farro, antico alimento, la cui coltivazione risale alle epoche più antiche degli Egiziani e delle stirpi del Mediterraneo; anche l’antica letteratura orientale, greca, biblica e romana, parla del farro come un nutrimento abituale e come materia di offerta preziosa da presentare alle divinità.
Ad Abbateggio il farro è stato riscoperto tra le sementi di antiche famiglie contadine locali, e da anni è oggetto di attenzioni da parte di piccoli produttori locali e della Pro Loco di Abbateggio, che ha fatto sua la battaglia per la reintroduzione nella alimentazione moderna di questo antico cereale dalle sorprendenti e benefiche proprietà alimentari.
La festa del farro si celebra nel mese di Agosto, in occasione della ricorrenza di San Lorenzo, il Patrono del paese. Oltre allo spettacolo delle stelle, gli avventori hanno modo di gustare i mille piatti a base di farro.

 

Cantine aperte a San Valentino

Il borgo antico di San Valentino accoglie migliaia di persone il 9 e il 10 di novembre in occasione di "Cantine aperte a Castrum Petrae", festa del vino che ormai da undici anni anima il centro storico di uno dei borghi più caratteristici della Val Pescara.
Nata in occasione della più celebre e antica "Processione dei cornuti", sfilata goliardica di corna animalesche e simboli fallici che, come tradizione vuole, si ripete ogni 10 novembre.
Ogni anno il paese si accende con luci, musica, vino e piatti tradizionali.
In media sono 20 le cantine che ogni anno aprono le porte ai visitatori, affiancando qualche piatto tipico abruzzese. Dal celebre spezzatino, alla porchetta, dalle salsicce, a sagne e fagioli, dalle pallotte “cacio e ove”, alle castagne. Il tutto annaffiato da litri di vino provenienti dalle cantine abruzzesi di Filomusi Guelfi, Cataldi Madonna, Lepore e tante altre. Massimo è lo sforzo logistico messo in campo dalla Pro loco di San Valentino, organizzatrice della festa e dall’amministrazione comunale, che patrocina l’evento.

 

La rappresentazione del Sant'Antonio a Roccamorice

A Roccamorice nel mese di gennaio, precisamente il 17, si celebra la festa in onore a sant'Antonio. In questo periodo si assiste alla rievocazione delle tentazioni verso il santo per le contrade del paese.
Un piccolo gruppo di persone, costituito da giovani orgogliosi di portare avanti la propria tradizione paesana, rievoca con costumi molto pittoreschi questo antico evento.
Per diversi giorni girano le contrade del paese suonando e ballando lungo le strade e bussando alle porte delle case dove chi vorrà farà accomodare la piccola compagnia che li allieterà con un piccolo spettacolo.
La rappresentazione in casa sta a significare l'esorcizzazione dalle tentazioni del demonio.

 

La processione tra i campi a Caramanico

In uno scenario complesso e denso di fascino si svolge il lunedì di Pasqua un'antica processione lustrale e propiziatoria che, partendo dalla chiesa di San Tommaso, attraversa i campi circostanti.
Per l'occasione vengono esposte e trasportate tutte le statue esistenti nella chiesa a cominciare da quella di San Tommaso Apostolo, seguito da Sant'Antonio Abate, San Rocco, la Madonna Addo­lorata e il gruppo di Sant'Anna e Maria Bambina.
I contadini del luogo ritengono di buon auspicio far attraversare i campi coltivati dalla proces­sione e ricevere la benedizione del prete che sparge l'acqua benedetta verso i quattro punti cardi­nali.
Dopo le funzioni liturgiche la gente si conce­de una allegra scampagnata verso i Luchi, dove consuma una tradizionale merenda a base di formaggio e uova.

 

Festa di san Michele a Lettomanoppello

fotoFestaLetto

Quella dell'8 maggio è la manifestazione che ricorda i vecchi riti pagani della fertilità e dell'inizio della Primavera.
Sino al secolo scorso si andava in processione, dopo il rito della fertilità degli armenti, sino al sacello di fronte alla spelonca di San Michele Arcangelo, dove veniva celebrato, con il concorso di tutto il paese, il rito della Santa Messa. Oggi la tradizione torna a poco a poco in auge ed è da annoverarsi come la manifestazione più importante dell'anno. Da non perdere la contrattazione delle morre che ancora avviene con i metodi millenari della pastorizia transumante. Rievocazione del rito di San Michele Arcangelo presso l'Eremo lungo il torrente Sant'Angelo, dove i pastori mettono insieme le greggi per iniziare il pascolo montano

SALVARE L'ABRUZZO

Ci vorrebbero le gigantesche mani che spuntano direttamente dall’acqua del Canal grande e abbracciano l’hotel Ca’ Sagredo, per salvare l'Abruzzo, abbateggio e la Valle Giumentina . E’ l’installazione che  Lorenzo Quinn ha realizzato per la Biennale d’Arte a Venezia. Si tratta di braccia che misurano tra gli 8 e i 9 metri d’altezza che sostengono simbolicamente il palazzo. Un viaggio consigliato , scegliendo in anticipo le Residenze Rurali o Agriturismi dove dormire , potrebbe essere : Venezia, Firenze, Roma , Abbateggio, per visitare Eremi ed abbazie.

 

Ph: Facebook Lorenzo Quinn

 

Galleria Foto

Seguici Su...

     

Video

Consigliato su