Country House

Scegli la tua lingua

Italian Dutch English French German

Iscriviti alla Newsletter




Meteo

 

sorgenteLavino

Parco sorgenti sulfuree del Lavino

Un'oasi dove rifugiarsi dalla calura estiva e poter apprezzare la bellezza di azzurre acque sorgive con tutta la famiglia è alle porte di Pescara, nel comune di Scafa, alla confluenza tra il fiume Pescara e il torrente Lavino. Si tratta del parco delle sorgenti sulfuree del Lavino, che si sviluppa su una superficie di quaranta ettari, istituito nel 1987.
Per chi ha già familiarità con questa zona d'Abruzzo, non siamo lontani da Decontra, la località nota per le acque sulfuree che provengono dal sud-ovest della Majella. Il complesso delle risorgenze delle acque sulfuree del Lavino è molto suggestivo grazie ai laghetti di un bel color turchese per la presenza di particolari alghe e alla ricchezza della vegetazione, dove trovano dimora volatili e mammiferi.
Il Parco delle sorgenti sulfuree del Lavino, è un territorio con caratteristiche naturali ed ambientali peculiari, in grado di soddisfare, come recita la legge istitutiva, le esigenze per l'impiego sociale del tempo libero nel rispetto del patrimonio naturalistico. La Regione Abruzzo, particolarmente attenta alla salvaguardia e valorizzazione del suo patrimonio paesaggistico ha istituito ad oggi sei parchi territoriali, tre in provincia di Pescara e uno per ogni altra provincia della regione.
Le sorgenti sulfuree del Lavino sono l'elemento naturale più straordinario del Parco, da cui deriva la sua stessa denominazione: un complesso di risorgenze d'acque sulfuree che formano un biotopo originale costituito da pozze con polle sorgive, ruscelli, stagni e laghetti di uno straordinario azzurro. Queste stesse acque in passato sono state impiegate per azionare le pale di un mulino del XVI secolo, così come la turbina di una centrale idroelettrica.

Per informazioni:
www.abruzzoturismo.it

LEGAMBIENTE ONLUS
Circolo di Scafa Via De Contra, 84
65027 Scafa (PE)
Tel. 085.8542482
Sito web:http://www.parcolavino.com/legambiente.htm
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Galleria Foto

Seguici Su...

     

Video

Consigliato su